Xiaomi Mi A1: la recensione di Francesco

Ho acquistato il mio Xiaomi Mi A1 il 24 Settembre 2017. Spendo un paio di righe per il servizio Honorbuy Italia, che vende questo terminale ad un prezzo onesto considerando che viene spedito dall’Italia, quindi senza tasse doganali, e con 2 anni di garanzia (ottimo servizio), il telefono è arrivato a casa anche prima del previsto (in totale un giorno da quando è stato spedito).

Adesso passiamo al terminale: ha un corpo in metallo molto piacevole al tatto, forse un po’ scivoloso,  avanti invece è dotato di un display da 5,5” Full HD (1080×1920 pixel) buona luminosità e buoni colori, processore Snapdragon 625 che tradotto significa bassi consumi e ottime prestazioni. Veloce nell’apertura delle app e nell’utilizzo generale, il Mi A1 ha 4 GB di RAM che bastano e avanzano al terminale per avere una sensazione di fluidità assoluta durante l’uso giornaliero.
Essendo un telefono cinese ci si domanda sempre della presenza o meno della banda 20 per il 4G.  Qui è presente e di fatto nessun problema con la ricezione (ho wind) anche meglio di altri telefoni più blasonati.
Per quanto riguarda la fotocamera, lo Xiaomi Mi A1 ha 2 fotocamere posteriori da 12Mp una con ottica standard l’altra con ottica 2x (zoomata) molto buona di giorno e discreta di notte, la presenza di due fotocamere posteriori permette al telefono di scattare foto con l’effetto bokeh, vale a dire soggetto in primo piano a fuoco e sfondo sfocato, foto che anche in questa modalità sono davvero buone, la fotocamera anteriore è da 5 Mp con capacità di ripresa a 1080p ed effetto bellezza per i selfie. Il Mi A1 è dotato di 64 GB di memoria interna per salvare le applicazioni, le foto, e i video. Per quanto riguarda la batteria, ci sono 3080 mAh, ottima autonomia, e porta a sera con ogni genere di utilizzo. Nel mio caso riesco a fare anche 2 giorni senza caricarlo (uso molto telegram/whatsapp, instagram, twitter, e faccio e ricevo molte chiamate vocali).
Per quanto riguarda il sistema operativo troviamo Android 7.1.2 come Google l’ha pensato, questo telefono è velocissimo in qualunque operazione. E’ il primo telefono Xiaomi aderente ad Android One, un programma lanciato da Google il che implica aggiornamenti garantiti per almeno 2 anni dall’uscita del dispositivo (quindi aggiornamento ad android 8.0 e android 9.0 sicuri e le varie patch di sicurezza mensili). Questo dispositivo ha la porta usb type-c (molto più comoda della vecchia micro usb), ha la porta infrarossi utilissima per comandare tv e altri dispositivi come condizionatori, lettori dvd, proiettori set-top box, fotocamere, ventilatori, ed ha anche il sensore di impronte digitali sul retro velocissimo e molto preciso.

 Ritengo che l’acquisto di questo Xiaomi Mi A1 sia consigliabile a chiunque, ma maggiormente alle persone che hanno un budget limitato e non vogliono scendere a compromessi di alcun tipo.

 

 

 

Foto scattate con Xiaomi Mi A1:

 

Author: Redazione

Share This Post On